SHARE

È morto improvvisamente a Berlino a 48 anni Jóhann Jóhannsson, compositore e musicista islandese noto per i suoi lavori per il mondo del cinema. Nato a Reykjavik nel 1969 ma da tempo residente in Germania, era diventato collaboratore di fiducia del regista premio Oscar Denis Villeneuve, per il quale aveva curato le musiche dei film Prisoners del 2013, Sicario del 2015 e Arrival del 2016. Due le candidature ai premi Oscar per le colonne sonore: la prima per La teoria del tutto sulla storia di Stephen Hawking, che gli valse però un Golden Globe, e la seconda per Sicario. Fu escluso dalla cinquina dei finalisti per le musiche di Arrival per l’utilizzo di una composizione di Max Richter.
Jóhannsson, che lascia una moglie e tre figli, aveva recentemente collaborato anche a Madre! di Darren Aronofsky e a Maria Maddalena di Garth Davis, di prossima uscita. Aveva iniziato la carriera come chitarrista rock in Islanda, per poi specializzarsi in musiche sia minimali che orchestrali utilizzate per teatro, tv, cinema e danza. Tra le collaborazioni anche quelle con musicisti elettronici, noise e rock come Barry Adamson, Pansonic, Marc Almond e Jaki Liebezeit. Quest’anno era atteso anche per un’esibizione al festival di Barcellona Primavera Sound. Tra i primi a ricordarlo la casa discografica Deutsche Grammophon: “Nei tre anni della nostra stretta collaborazione era nata una vera amicizia. La forza della sua musica vivrà ancora e continuerà a commuoverci”.

Repubblica.it > Spettacoli

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here