SHARE

“Il giorno in cui la musica morì” era passato da poco meno di un anno quando il giovane Eddie Cochran seguì anch’egli la sorte di Buddy Holly, perdendo la vita in un incidente d’auto nel Wiltshire il 17 aprile del 1960. Belloccio, affascinato da Elvis come qualsiasi suo coetaneo, lontano degli eccessi di Gene Vincent ma comunque circondato da quell’aura misteriosa che ne ha fatto un immediato teen idol, il chitarrista del Minnesota, nonostante la morte precoce, ha fatto in tempo a lasciare la sua impronta: “Eddie può aver imitato Elvis nell’uso della voce anche più di dozzine di altri fedeli come Conway Twitty, ma la sua influenza sulla coscienza pop di grandezze quali i Beatles e gli Who è stata profonda e può essere sentita come una ricorrente sensazione di deja vu tanto in questo album quanto nei suoi lavori”, ha scritto l’autorevole critico musicale Lester Bangs recensendo le “Legendary Masters Series” della star di “The Girl I Can’t Help It”, il film che, grazie alla sua esecuzione del brano Twenty Flight Rock”, ha fatto conoscere Cochran al grande pubblico.

Loading...

Sempre Bangs sottolinea come il musicista nato ad Albert Lea, che “camminava come un uomo e parlava come un adolescente torturato”, avesse capito molto chiaramente come il rock’n’roll – genere al quale Cochran è approdato dopo una gavetta come musicista country, hillbilly e chitarrista turnista – fosse, in primo luogo, un’attitudine prima che uno stile musicale. È da questa attitudine che sono nate le canzoni di Cochran, da “Summertime Blues”, la sua hit più conosciuta, a “C’mon Everybody”, brani che scaldarono le folle accorse ad assistere ai lunghi tour del musicista sul finire degli anni Cinquanta, quando il ventenne Eddie ebbe la possibilità di confrontarsi con artisti come gli Everly Brothers, Bo Diddley e Chuck Berry.

Cinquantotto anni dopo, il giovane che nel 1955 decise di lasciare la scuola per diventare un professionista della musica è ancora tra i nomi del rock’n’roll più stimati e in queste pagine vi proponiamo alcuni dei suoi classici.

Rockol Music News

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here