SHARE

Brandon Flowers e compagni[1] hanno omaggiato i Cure e il loro leader Robert Smith con una cover di “Push”, contenuta nel sesto album in studio della band britannica, “The Head on the Door” (1985). Non è stato, però, solo un tributo in musica quello prestato durante l’esibizione del gruppo alla Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City: la voce dei Killers ha infatti ricordato di quando suo fratello gli fece conoscere i Cure, prestandogli le loro cassette. Nella stessa arena, Brandon tornò poi a vedere la band in azione: “È stato meraviglioso e ho avuto un’esperienza meravigliosa”, ha detto ai presenti. Infine, poco prima di attaccare con le prime note di “Push”, il cantante statunitense ha introdotto così il brano:

Hanno suonato questa canzone, “Push”. Sono stato convertito, sono stato ufficialmente convertito e battezzato da questa canzone, “Push”.

Loading...

La band di Las Vegas si esibirà nella Penisola la prossima estate con due date, al Rock In Roma[2], nella Capitale (20 giugno 2018), e agli I-Days[3] di Milano (21 giugno 2018).

References

  1. ^ Brandon Flowers e compagni (www.rockol.it)
  2. ^ al Rock In Roma (www.rockol.it)
  3. ^ agli I-Days (www.rockol.it)

Rockol Music News

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here