SHARE

Di film italiani ce ne sono parecchi nella selezione ufficiale, due in concorso e uno al Certain Regard, per cui l’assenza di titoli nostrani alla Semaine de la Critique (9-17 maggio) non mette allarme. Il film di apertura è l’esordio alla regia dell’attore di Sorrentino e Paul Thomas Anderson, Paul Dano Wildlife. Protagonisti Carey Mulligan e Jake Gyllenhaal di un adattamento dal romanzo di Richard Ford è il ritratto di un adolescente, nell’America degli anni Sessanta, che assiste impotente alla fine dell’amore tra i suoi genitori.La Semaine de la Critique unveils the selection of its 57th edition!
——————-
La Semaine de la Critique dévoile la sélection de sa 57e édition !#SDLC2018https://t.co/vr9pRrf3mc
— SemaineDeLaCritique (@semainecannes) 16 aprile 2018Gli altri film sono per lo più europei: il film portoghese Diamantino di Gabriel Abrantes & Daniel Schmidt dedicato a una stella cadente del calcio, l’ungherese One Day Un jour della regista Zsófia Szilágyi, ritratto tutto al femminile di una moglie e madre nello stress della quotidianità, il polacco Fuga di Agnieszka Smoczyska, altro ritratto di donna alle prese con la perdita del proprio passato, ancora una protagonista femminile per il franco islandese Woman at War di Benedikt Erlingsson. Chiudono la selezione il francese Sauvage di Camille Vidal-Naquet, solitudine al maschile di un gigolò, Chris the Swiss il film di animazione della regista croata Anja Kofmel ambientato nella Guerra dell’ex Yugoslavia e l’indiano Monsieur della regista Rohena Gera.
Repubblica.it > Spettacoli

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here