SHARE

“When he looks at me, the way he looks at me… He does not know what I lack or how I am incomplete. He sees me, for what I am, as I am. He’s happy to see me. Every time. Every day. / Quando mi guarda, il modo in cui mi guarda… Non pensa a cosa mi manca o come io sia incompleta. Lui mi guarda, per chi sono, per come sono. Lui è felice di vedermi. Ogni volta. Ogni giorno”.che salva un delfino dagli esperimenti degli scienziati in un laboratorio e gli restituisce la libertà in mare. Una trama che può ricordare in parte quella di The Shape of Water ma che la Fox, la casa di produzione del film, ha escluso possa essere frutto di una suggestione perché “Del Toro non ha mai letto la storia di Zindel”. D’altronde che possano esserci storie con punti di contatto e che ricordano altre trame è qualcosa di più che normale tanto che è successo agli stessi protagonisti del film. Del Toro ha raccontato che dopo aver scritto il personaggio di Elisa appositamente per Sally Hawkins glielo ha proposto e ha scoperto che da parte sua l’attrice inglese stava lavorando ad una storia su una sirena.Il padrino Dario Argento. Non ha dubbi invece Dario Argento, grande amico di Guillermo Del Toro, che vorrebbe il film del regista messicano trionfare agli Oscar. “È un film bellissimo e Guillermo è uno dei migliori registi in circolazione – ci dice – il film l’ho visto al festival di Sitges in Spagna insieme a lui, alla fine della proiezione ci siamo abbracciati commossi. Da tanti anni siamo amici e io ho seguito tutta la sua produzione, The Shape of Water è completamente nello stile che abbiamo imparato amare con Il labirinto del fauno e gli altri suoi film. C’è il fantasy, c’è azione e c’è molta politica: l’America del Maccartismo, il rispetto per il diverso nel personaggio di Elisa che è muta. E poi c’è il gusto delle citazioni da Il mostro della laguna nera in poi… un incredibile contenitore che racchiude tutti i suoi grandi amori. È un film pieno di trovate, di idee che tocca tanti tasti. Credo che per la Mostra di Venezia sia stato un onore averlo, premiarlo e poi ritrovarlo in tutte le più importanti premiazioni dai Golden Globe, ai premi dei produttori, fino a tutte queste nomination. Io sono sicuro che ne prenderà molti di Oscar”.
Repubblica.it > Spettacoli

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here